Condividi questa pagina:

La Video Ricetta per il Pane di Pasta Dura tipo Caravanini

Su stimolo del mio amico Ivan a cui piace molto il pane di pasta dura (che non si trova qui in America), mi sono deciso a farne la video ricetta.

Era un po’ che cercavo una ricetta per un pane che fosse semplice a veloce da preparare. Come dico spesso, la fretta e’ la nemica del pane buono, ma il pane di pasta dura (conosciuto anche come pan di casa) e’ una benvenuta eccezione alla regola.

Per eseguire questa ricetta ci vogliono due ore e l’impastatrice elettrica (o tanta forza nella braccia e pazienza). Per farlo a regola d’arte si dovrebbe preparare con la biga ma per semplicita’ e velocita’ ho usato una ricetta sul “diretto”, cioe’ con un solo impasto di tutti gli ingredienti.

Video Ricetta

Attrezzature

Nei panifici usano il cilindro per raffinare la pasta e la formatrice (chifferatrice) per dargli la forma. Nel video faccio vedere come simulare la stessa procedura a mano. La ricetta l’ho provata gia’ 3-4 volte ed e’ venuta bene. L’ho anche fatta provare alla mia cavia panettieristica e grande amico Minollo (anche lui di Boston) il quale conferma che funziona. Fatemi sapere come viene a voi!!!

Ingredienti

Per 4 Caravanini da circa 2 hg

  • 300 g di acuqa a temperatura ambiente
  • 10-12 g di Sale
  • 30 g di Olio Extra Vergine
  • 550 g di Farina
  • 25g di Lievito di Birra (o 9 g di lievito secco)

Procedimento

  • Sciogliere il sale nell’acqua
  • Aggiungere l’olio e meta’ della farina
  • Impastate
  • Aggiungete il lievito
  • Aggiungete man mano la farina rimanente
  • Impastate per almeno 15 minuti a macchina

E’ importante che la pasta sia bella raffinata. Visto che a casa non abbiamo un cilindro elettrico come i professionisti, impastiamo la pasta piu’ a lungo. Non e’ esattamente la stessa cosa ma e’ un’alternativa piuttosto efficace.

  • Quando l’impasto e’ pronto potete lavorarlo direttamente senza farlo riposare, anzi… Lavoratelo subito senza farlo lievitare.

  • Tagliate l’impasto in quattro parti uguali
  • Adesso date la forma del caravanino un panino alla volta
    • Con un mattarello appiattite il pezzo di pasta e poi arrotolatelo come spiegato nel video fino ad ottenere un filoncino
    • Schiacciate il filoncino con il mattarello fino ad ottenere una striscia piatta di pasta
    • Arrotolatela su se stessa fino a formare una pagnotta tipo quella in figura:
    • Questo procedimento da forza alla pasta. Piu’ forza ha la pasta, meglio si sviluppa quando lo tagliate e mettete in forno’
  • Coprite e lasciate lievitare per 45 minuti (fate 55 d’inverno)

  • Pre-riscaldate il forno a 180-200c
  • Con una coltello molto affilato o lemetta effettuate un taglio profondo nel centro di ogni panino ed infornatelo

  • Il taglio fa la differenza tra una pagnotta venuta bene ed una venuta “orba” come di dice in gergo
  • Dopo 5 minuti nel forno dovrebbero iniziare ad aprirsi

  • dopo 10 minuti dovrebbe essere belle aperte e dopo 20 minuti avranno la forma finale
  • Cuocete per 50-55 minuti in tutto
  • Lasciate raffreddare.

Grazie alla mollica compatta che trattiene l’umidita’, questo pane dura bene per due o tre giorni (anche di piu’ se lo mettete in frigo dopo che e’ completamente raffreddato.

Fate rimanere di stucco amici e parenti con questa ricetta, e godetevi il frutto meritato del vostro lavoro!!!

Vittorio

108 Comments
1 Star2 Star3 Star4 Star5 Star (Clicca per votare)
  • Luca

    Ciao Vittorio, ho provato a fare questo pane ma non mi è venuto tanto bene. La forma è perfetta ma rimane pesante e la crosta morbida. Forse sono stato ingannato dalla forma, ma in Romagna li chiamiamo alberghieri o mantovane. Hanno una crosticina croccante e sono leggerissimi, nonostante l’alveolatura sia molto fitta proprio come questa.
    Qualche consiglio? Con la biga 50 acqua 50 farina 2 lievito fresco, dopo 8 ore devo togliere questi grammi dalla tua ricetta diretta? E il lievito devo toglierlo dal secondo impasto?
    Grazie 1000 per tutto e complimenti per il dietro le quinte…mi È venuta voglia di andar via dall’Italia. ????

    • vivalafocaccia

      Credo siano molto simili anche come impasto anche se in alcune ricette delle mantovane ho trovato lo strutto al posto dell’olio che conferisce sicuramente un’altra consistenza. Per il lievito direi che se lo metti prima lo levi dopo.Ho visto anche che qualcuno le fa con un sistema semi indiretto..mette una parte nella biga e una poi lo aggiunge nell’impasto. Se segui questa ricetta prova la prima volta con la stessa quantità di lievito e poi a mano a mano diminuisci aumentando magari i tempi.

  • Robbi Ro

    Grazie a te Vittorio..
    alla tua ricetta..
    Il pane era così buono che è stato letteralmente divorato, tanto che il giorno dopo ne ho dovuto fare una dose doppia eheh… ho fatto però forme da 100 Gr. Ed anche forme diverse come puoi vedere dalle foto.. qui il pane buono o te lo fai in casa oppure… niente!!
    Grazie ancora… ciao Robbi

  • Robbi Ro

    sfornato!!

    • vivalafocaccia

      preciso!

  • Guest

    e… fuori dal forno :)

  • Guest

    e… fuori dal forno ;)

  • Robbi Ro

    in forno

  • Guest

    ecco altre foto

  • Robbi Ro

    Ciao Vittorio. ..
    Ho visto sul tuo sito la ricetta per il pane a pasta… dura il più buono secondo il mio punta di vista dei tipi di pane comune italiano da forno.. e non ho resistito… ho dovuto provare a farlo… è meravigliosamente buono…
    Ho seguito alla lettera la tua ricetta… unica variante. .. in e e di fare 4 panini da 200 gr. … ne ho ricavati 6 da circa 150 gr. cad. .. penso che la prossima volta ridurre ulteriormente il peso a 100 gr. perchè si gonfiano tantissimo.
    Ho utilizzato un forno ventilato a 180° per circa 40 minuti
    Un volta sfornati li ho pennellati con acqua naturale perchè la crosta risultava un pochino troppo croccante…. ma sono ottimi.
    Grazie… Robbi

    • vivalafocaccia

      Grazie! Sono gonfiati veramente un sacco considerato che sono più piccoli di peso .Spettacolo! Bravissimo!

  • Walter Angerer

    Caro Vittorio, trovato, fatto e riuscito! Da anni che stavo cercando una ricetta per fare dei panini di questo tipo, ricordando come li godavo con mio zio nei parti di Treviso quando ero bambino. Mille Grazie per il tuo sito, e adesso vado a provarci la ciabatta! Saluti dall’ austria.

  • ste

    Ecco i miei, con la variante biga della sera prima, mi son sempre riusciti da quando ho provato, ciao!

    • vivalafocaccia

      Ottimo!!!
      - Vittorio

  • Bruno

    spettacolari! la famiglia ha gradito……!

    • vivalafocaccia

      bene mi fa piacere!!

  • Cony

    Appena sfornati…non sono proprio uguali ai tuoi ma sono buonissssssimi!! complimenti per la pagina!

    • vivalafocaccia

      Grazie!!

  • raffaella

    ciao ho fatto i caravanini 2 volte,oggi ho provato a tirare la pasta con la macchina x la sfoglia piegandola più volte su se stessa e devo dire che la mollica è venuta benissimo,ma come l’altra volta e anche con altri tipi di pane la crosta è venuta spessa e dura….. dove sbaglio??

    • vivalafocaccia

      Hai per caso il forno ventilato o a gas? Se hai usato il forno statico puoi provare a mettere un pentolino di acqua nel forno per mantenere umidi l’ambiante e ritardare la formazione della crosta. Facci sapere.

      • raffaella

        avevo usato il forno statico e anche il pentolino d’acqua tutte le volte ma evidentemente l’umidità non era abbastanza oggi ho provato a inumidire i panini prima d’infornarli e ha funzionato…. perfetti!!

        • vivalafocaccia

          Ottima idea
          - Vittorio

  • Marzia

    Ciao Vittorio anch’io ho fatto i caravanini …. Sono venuti eccezionali … Sei fantastico

    • vivalafocaccia

      Molte grazie! :)

  • Mary Dias

    Ho provato a fare i caravanini, sono venuti benissimo! Grazie Vittorio, tutte le tue ricette riescono sempre. E dire che ho un forno di qualità modesta.
    mary

    • vivalafocaccia

      Ottimo! Mi fa proprio piacere!!

  • Alberto

    Ciao Vittorio,

    Complimenti per il bellissimo sito. Nel tuo articolo tu fai riferimento al fatto che il pane di pasta dura si dovrebbe realizzare con la biga. A me interessa proprio questo sistema, potresti indicarmi come procedere?

    Alberto.

    • vivalafocaccia

      Fai una biga con 1-2 g di lievito, 50g di acqua e 50 g di farina. lasciala lievitare 8 ore. La metti dentro all’impasto.

  • Francesca

    Ciao Vittorio,
    ti seguo sempre con affetto. Oggi ho provato a fare i caravanini e non ho ottenuto un grande risultato. Non mi si sono gonfiati in centro e la crosta è molle. Ho eseguito le tue indicazioni alla lettera e ho usato il lievito secco, invece di quello madre che uso di solito, proprio perché temevo di non avere quell’effetto gonfio nel taglio. Cosa può essere successo? Ho usato il forno statico, ho sbagliato?

    • vivalafocaccia

      No il forno statico va bene…anche il mio è statico.Hanno lievitato bene? a volte anche il taglio fa la differenza..usa la temperatura più bassa 180 così hanno più tempo e…. riprova!

  • Annalisa Concu

    Ciao Vittorio, oggi ho provato la pasta dura tipo caravanini…..non sono proprio come i tuoi……ma sono abbastanza soddisfatta….ti mando alcune foto.

    • vivalafocaccia

      Dalla foto sembrano molto belli!… anche dentro!

  • Pingback: Pane di pasta dura | Food Blogger Mania

  • Xfiles

    Ciao Vittorio! Scusa se ti disturbo so che saranno cose stupide ma non riesco andarcene fuori. Ho provato a fare vari ti di pane compreso i caravanini, il problema è che fino che vanno in forno tutto procede direi molto bene forma, lievitatura, pasta levigata, poi, nel momento della cottura tutto il mio lavoro va a ramengo, lievita fino a un certo punto poi andando avanti basta non cresce più e diventa come una mattonella, pesante, quando lo apro sembra che l’alveolatura sia abbastanza buona ma alla fine non é come dovrebbe essere, ho provato alzando la temperatura e lasciandolo di più a cuocere, o abbassandola , pentolino con l’acqua o senza insomma di tutto sono disperata!
    Grazie Vittorio e scusami. Ciaooo!

    • vivalafocaccia

      Nessun disturbo. innanzitutto stiamo parlando dei caravanini o altre ricette? I caravanini hanno un’alveolatura molto fitta.
      Scegliamo una ricetta e concentrimoci su quella fino a che non sei soddisfatta.
      Ti consiglio questa:
      http://vivalafocaccia.com/2012/02/27/ricetta-pane-fatto-casa-olio/

      Vittorio

      • Xfiles

        Grazie Vittorio hai ragione non ho precisato le ricette, ho provato sia i caravanini, pasta dura e biove tutto bene fino ai primi cinque minuti in forno, penso che forse il mio forno e po’ fuso, proverò quello all’olio. Grazie mille ciaooo!

  • Graziella Carboni

    Ciao! stamane ho provato questa ricetta ed è venuta benissimo…l’unico problema è che non sono riuscita a fare le foto prima che i miei familiari lo facessero sparire tutto!!

    • vivalafocaccia

      He he
      Succede spesso a molti, incluso me
      Vittorio

  • ClaudiaAndrea Proietti

    Ciao Vittorio ti volevo chiedere!, quale delle tue ricette si addice di più per fare del pane con farina integrale?, avrei bisogno che il formato sia quello tipo panini.
    Puoi consigliarmi tu Grazie sei mitico a presto.

  • samanta

    stamattina ho fatto i panini all’olio sono venuti buonissimi grazie Vittorio!!!!!!

    • vivalafocaccia

      Prego!! :)

  • ClaudiaAndrea Proietti

    Grazie mille Vittorio, credo che per la prima volta seguirò la tua ricetta così vedo anche come mi vengono, poi magari proverò a nn tagliarli. Per il discorso farina grazie mille per il link, in ogni caso, tu mi sconsigli di usare farine economiche?!?.
    Posso poi farti una richiesta? Come sei messo a panzerotti…prodotto da forno tipicamente pugliese. Ho visto qualche ricetta in internet ma prima di “tradirti” :-)) volevevo chiedere a te.

  • ClaudiaAndrea Proietti

    Caro Vittorio è ormai da più di un anno che seguo
    il tuo blog, e finalmente mi sono deciso a scrivere qualche riga e a diventare
    un utente attivo. Innanzi tutto devo farti i miei complimenti per il tuo sito,
    le tue spiegazioni sono sempre impeccabili, si vede il tuo amore per l’arte
    bianca, un amore contagioso e infatti mi hai trasmesso il virus della
    panificazione , sei semplicemente un grande. Ho già messo in pratica alcune
    delle tue ricette che se vuoi posso inviarti o se hai voglia puoi vederle
    direttamente sul mio account face book , spero di renderti orgoglioso J……

    Ora però vorrei poterti porre alcuni quesiti, il
    primo inerente alla ricetta dei Caravanini, che cosa succede se non pratico i
    tagli? La loro forma iniziale prima del taglio mi ricorda i panini che mangiavo
    da ragazzo quando con i miei andavamo in settimana bianca sulle dolomiti, tutti
    gli alberghi in cui sono stato avevano gli stessi tipi di panini, che erano
    ottimi anche con burro e marmellata J.

    La seconda domanda è più generale, vorrei parlare
    delle farine; alcune volte nonostante io segua attentamente e minuziosamente le
    tue ricette il risultato non è di mio gradimento, soprattutto per quanto
    riguarda le ricette inerenti alla pizza; imputo i miei insuccessi a due fattori,
    in primis al mio forno, che credo non riscaldi a sufficienza e quindi allunghi
    i tempi di cottura; l’altro lo associo alla farina che uso, purtroppo qui in
    Italia non ce la passiamo benissimo e quindi cerco sempre di acquistare farine
    economiche che credo però non abbiano le caratteristiche giuste per una buona
    panificazione, inoltre sulle farine non sono mai riportati i codici W che tu
    alle volte indichi, quindi è un po’ come navigare alla ceca, puoi consigliarci
    alcune marche, magari italiane, che possiamo utilizzare, se tu potessi stilare
    un elenco con i relativi codici W te ne sarei grato, ho proprio bisogno di un
    consiglio. ….

    Spero di non averti annoiato troppo, ti ringrazio tanto
    anticipatamente sei un grande un saluto e a presto.

    • vivalafocaccia

      Per i caravanini se non li tagli dovrebbero gonfiarsi senza aprirsi, c’è la possibilità che si spacchino in maniera irregolare…prova!! Per le farine puoi fare riferimento alle percentuali di glutine o di proteine…difficile per me di qua fare una tabella sulle farine italiane ma leggi qui http://www.webalice.it/michele.castellano/Il%20Pane/Le%20Farine.html

    • vivalafocaccia

      Se non fai il taglio, l’anidride carbonica creata durante a lievitazione si espande durante la cottura e trappa tutta la pasta rovinando la forma. Se vuoi fare dei panini che rimangono con quella forma arrotolata, prova quelli all’olio che hanno una pasta meno forte e riescono a espandersi senza spaccare tutto.

      Clicca qui: http://vivalafocaccia.com/2012/02/27/ricetta-pane-fatto-casa-olio/

      per quanto riguarda la farina, guarda l’altra mia risposta. Forse la cosa piu’ economica e’ mischiare farina manitoba in percentuali piu’ altre per ottenere una miscela piu’ forte. Per la pizza, compera una pietra refrattaria, sono 20-20 Euro ben spesi
      - Vittorio

    • FrancescoI

      Per le pizze ti consiglio la farina “Tre mulini” 0 per pizze, la trovi nei supermercati Eurospin. Io la uso anche per il pane.
      Un abbraccio
      FrancescoI

      • ClaudiaAndrea Proietti

        Grazie mille ottimo consiglio dal momento che la spesa la faccio all’Eurospin :-( purtroppo per tirare avanti in qualche modo si deve fare di questi tempi…, vedro subito di trovarla…..grazie ancora

  • Monika Boldori

    Buongiorno io ho provato a fare questo tipo di pane, ma l’impasto mi è venuto troppo soffice ho fatto tutto come hai detto nella videoricetta , comunque era buono, solo che durante la lievitazione si è accasciato molto :)

    • vivalafocaccia

      Prova ad usare una farina più forte o un 20% di manitoba per dargli un po più di forza.Se l’impasto è troppo morbido coprilo con un panno e lascialo riposare 5 minuti prima di riprendere a lavorarlo.Fammi sapere.

      • Monika Boldori

        oggi provo a rifarlo, ti faro’ sapere, grazie mille!!!

  • louise

    caro Vittorio se io uso la farina semolina può andare lo stesso per fare il pane veloce?Grazie e ciao

    • vivalafocaccia

      Si ..forse ti chiederà un po più acqua ma va bene.

  • mariarosa

    ciao vittorio per fare questa ricetta ci vuole la farina manitoba cioè la O oppure la farina OO ??grazie a presto ciao

    • vivalafocaccia

      puoi usare entrambe ..una ti dara un prodotto piu casereccio e l’altra piu raffinato…oppure anche meglio la semola di grano duro….va a gusti.Prova tutto!!! :)

  • Maurizio

    FARINE

    L’unica farina che ha 14gr di proteine, è la 00 ViviVerde Coop.
    io uso quella; quindi la manitoba nn serve !

    Tutte le altre che trovo nella grande distribuzione, nn superano i 9/10 gr ( quindi serve la manitoba)

  • Maurizio

    Ciao Vittorio,
    ti faccio i complimenti per il blog.

    Faccio sempre i caravanini perchè mi vengono sempre buoni e perfetti.
    una domanda prima di fare esperimenti e poi buttare tutto:
    si puo’ usare una farina di grano duro ? mi dicono che al sud la usano spesso, il pane diventa piu’ leggero e croccante.

    Per caso non avresti una videoricetta, dove spieghi come fare i panini usando farina di grano duro?

    Aspetto con ansia una tua risposta, nn vedo l’ora di provare.

    Grazie 1000 per i tuoi preziosi consigli.

    Ciao Maurizio

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      Questa ricetta la puoi fare (anzi andrebbe fatta) con la farina di grano duro.Forse dovrai un po adattare l’idratazione in quanto essendo una farina forte l’assorbimento dovrebbe essere superiore.Parti con le stesse dosi e poi vedi…

      • Maurizio

        > Ho usato le stesse dosi cambiando solo la farina; ho usato la Semola di Grano duro della Coop linea Bio Viviverde con contenuto di proteine di 12,5gr su 100gr.

        Risultato direi stratosferico !!!! Fatti e Mangiati !!!!!!!!!!!

        li preferisco così, hanno una crosta piu’ croccante e un sapore piu’ gustoso, solo l’interno sembrava un poco umido, credo di aver sbagliato sulla cottura…..

        Visto che sono spariti in un batter d’occhio, li rifarò raddoppiando la dose, poi vi postero’ anche la foto.

        Vittorio, volevo chiederti se quel profumo classico di pane che esce la mattina dai panifici è dovoto a qualche lievito particolare o “aromatizzato”; se sì, puoi indicarne qualcuno ? ( il profumo del pane fatto da me, ha la nota caratteristica del lievito di birra)

        GRAZIE.

        • http://vivalafocaccia.com Vittorio

          > No, nessun aroma. Solo farina acqua e lievito e a volte l’olio
          - Vittorio

        • Cristian

          È normale quando si utilizza molto lievito per gli impasti di tipo diretto.
          La fragranza del pane fatto con i prefermenti (ad esempio la biga), a patto che la farina sia buona (intendo abbia un buon sapore), si avvicina molto a quella del forno.
          Il tempo di maturazione richiesto all’impasto e la
          ridotta quantità di lievito utilizzate esaltano il sapore del grano e rendono il pane profumato

  • Cristian

    Ciao Vittorio,
    Grazie per la interessante ricetta.
    Nella preparazione del pane di pasta dura tipo caravanini o barilini quali accorgimenti bisogna adottare per ottenere una mollica che tenda a sfogliarsi?

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      - Uhm… non sono sicuro. Fai delle prove…
      Vittorio

  • Anna Maria

    Ciao Vittorio, ottima ricetta!!!! Volevo solo chiederti, devo usare farina 00, farina 0 , oppure manitoba? Devo farli al più presto.

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      La farina 0 va bene.

  • maria puddu

    ciiao cari ho bisogno del vostro aiuto mi stò preparando per l’esame ho perso tutte le ricette del pane classico sardo mi potete aiutare’

  • Simona

    Ciao Vittorio, da quando ti ho scoperto ho iniziato ad impastare ogni giorno, con risultati ottimi direi. Questo grazie alle tue video ricette.
    Vorrei farti un paio di domande: hai già sperimentato i caravanini con il lievito madre? Se sì mi daresti le dosi?
    E ancora, nella ricetta del pane a lievitazione lenta ( quella dove usi 1g di lievito) lascio lievitare 12/20 ore in frigo o fuori? Fino ad ora l’ho lasciato fuori per non più di 12 ore e mi è sempre venuto bene, però mi è sempre rimasto il dubbio.
    Intanto GRAZIE per quanto mi hai insegnato fino ad ora.
    Un abbraccio di cuore, Simona.

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      Mi era sfuggito questo post!! scusa per il ritardo e grazie per le bellissime parole.Non ho ancora fatto questa ricetta con il lievito naturale ma puoi provare la procedura di conversione che trovi qui http://vivalafocaccia.com/2010/10/15/come-usare-il-lievito-naturale/
      Per la lievitazione lenta invece fuori frigo 12 ora va bene…dipende dalla temperatura..magari d’estate sara un po diverso.

  • Elisue

    Ciao Vittorio,

    Grazie per la splendida ricetta! Ecco il risultato dei miei caravanini:

    http://www.flickr.com/photos/elisue/8581923866/in/photostream

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > Prego! E Bravissima!!
      - Vittorio

  • Romana

    Ciao Vittorio ti scrivo dalla provincia di Bologna, grazie per tutte le ricette e i consigli che ci dai. Anche io ho problemi con il pane a pasta dura, per l’impasto uso un impastatrice a spirale, l’impasto viene perfetto e molto liscio poi passo alla cilindratura e alla formazione delle pagnottine, fin qui tutto bene, il problema è che in forno (nonostante sia al massimo della temperatura 250°) acceso molto tempo prima affinchè si scaldi bene anche la pietra, non mi sfoga e non mi si apre bene. Ho già provato in tutte le maniere tagli più o meno profondi lievitazione più o meno lunga.
    Mi è venuto bene solo una volta la prima che lo feci.
    Ti chiedo, durante la lievitazione copro il pane col telo di nylon, questa operazione è corretta oppure è meglio coprirlo solo con un telo, le pagnotte devono fare un pò di pelle oppure no?? quella famosa prima volta avevano fatto la pelle (forse non avevo messo il nylon chi si ricorda!!!) è possibile che i gas imprigionati dentro abbiano fatto si che in forno siano sfogate meglio?? Chissa!! Scusa per questo intervento un pò lungo ma da spiegare è un pò complicato. Grazie anticipatamente se vorrai darmi una spiegazione. Ciao Romana

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > Il pane non deve fare la pelle, altrimenti non si sviluppa. Forse non fai i giri della pasta abbastanza stretti? Puoi anche provare a fare l’impasto con acque piu’ fredda.
      - Vittorio

      • Romana

        > Grazie per avermi risposto, proverò ad impastare con acqua più fredda e a fare giri più stretti, ora mi sto dedicando al filone di toscano che mi viene bene anche se mi da un pò meno soddisfazione.
        Ciao e grazie Romana.

  • Antonio

    Ciao Vittorio, intanto grazie per tutte le ricette che pubblichi!!
    Ho fatto ormai diverse volte il pane di pasta dura, viene davvero bene e buono, ma in forno non si apre come il tuo!, può essere la farina? devo lavorare di più l’impasto o i caravanini non sono fatti come dovrebbero? grazie del consiglio!!

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > heh… e’ sempre un po’ un mistero. Potrebbe essere la farina debole, il tagli fatto troppo sottile…. prova anche a farlo lievitare un po’ meno. Stasera provo a farlo cosi’ mi rialleno un po’ e studio i trucchi.
      - Vittorio

  • valentina

    ciao vittorio,volevo farti una domanda….senza la pietra refrattaria ottengo un risultato pessimo?non sono riuscita ancora a procurarla pero ho tanta voglia di provare a farli….grazie e saluti dalla sardegna.ciao ciao

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > falli pure nella teglia.
      - Vittorio

  • Alessandro

    Ciao Vittorio sono Alessandro da Genova-Voltri, ho provato per la prima volta questa ricetta, sono usciti quattro panini fantastici, buoni e perfetti! seguendo le tue ricette ho imparato a manipolare ed affinare la pasta per pane, focacce e pane. Hai portato l’arte della panificazione alla portata di tutti, grazie per il tuo preziosissimo lavoro!

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > Prego!!! Grazie per il messaggio
      - Vittorio

  • http://www.maidirebyte.it Fabio

    Io ho fatto un errore sapendo di commetterlo… :)
    Per questioni di tempo ho “dovuto” lasciare il pane a lievitare per tutta la notte (una decina di ore invece che due)… ed il risultato e’ stato comunque buono: non proprio dei caravanini (sono diventati decisamente piu’ grossi ma non si sono aperti) ma del pane comunque delizioso.

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      eh ..non si sono aperti perché non ne avevano più la forza ma con quella lievitazione chissà che gusto!!

  • Claudia

    Una domanda, se uso il lievito secco, non bisogna sciglierlo prima in acqua? ma poi come funziona con il sale?
    Grazie

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      > O tieni l’acqua con il lievito sciolto da parte e lo aggiungi dopo che l’impasto ha assorbito un po’ di farina oppure metti il sale a meta’ impasto.

  • Adriana

    questi sono 2 dei 4 panini fatti, gli altri sono già spariti per quant’erano buoni, soffici e croccanti, grazie Vittorio, le tue ricette mi fanno illudere di essere una brava cuoca, mentre basta solo seguire passo passo le tue istruzioni.

    • Adriana

      ops, non c’è la foto, ma l’ho pubblicata su la pagina di Viva la Focaccia>

  • http://biagiothai.wordpress.com Enrico Biagini

    Ecco come mi sono venuti, aspetto la cena per assaggiarli, adesso debbo uscire, ma suppongo siano venuti bene!
    Ecco la foto dopo 5 minuti nel forno:
    https://docs.google.com/file/d/0Bz8ISY64dCsqTWJNZWhZV1pBVTg/edit?usp=sharing
    e la foto dopo sfornati, circa 40 minuti, mi sembrava fossero anche troppo ambrati:
    https://docs.google.com/file/d/0Bz8ISY64dCsqT3Q3ZndSRUNYbTA/edit?usp=sharing
    Ciao a tutti!
    Se sono venuti come penso, penso che li farò spesso!

    • http://vivalafocaccia.com vivalafocaccia

      Bravissimo!!!

  • sonia

    questo pane da noi lo fanno ma il 13 giugno lo si fa benedire nelle chiese e se ne vende di + del solito xkè si tende anke a regalarlo a parenti o amici in quanto lo kiamiamo ” pane di sant’antonio”

  • Adriana

    spettacolare, veloce e semplice, sarà la mia prossima infornata. complimenti Vittorio, non solo ci semplichi molto tutto, ma mi fai venire proprio la voglia di rimettere di continuo le mani in pasta – grazie

  • monica_costa

    Ciao Vittorio,
    sono Monica di Genova. Ho provato la tua ricetta del pane di pasta dura… Non è venuto perfetto come il tuo ma come primo esperimento non mi lamento….la prossima volta affinerò la tecnica.
    Ti ringrazio molto per le tue ricette dettagliate e ti lascio il link del mio pane:
    http://www.fotocibiamo.com/2013/01/pane-di-pasta-dura-tipo-caravanini.html
     
    Un abbraccio
    Monica

  • Ornella

    Ciao Vittorio, secondo te è possibile fare questo pane con lievito madre?

  • glabromje

    Ciao, sono Matteo da Reggio Emilia – Italia – innanzitutto volevo farti i complimenti per il blog (ti prego non chiuderlo). Sono appassionato di panificazione ed ho provato la tua ricetta: è perfetta!!!!
    L’unica cosa, avendo un forno che utilizzo in modalità ventilata dopo alcune prove  ho ridotto la cottura del pane a 35 minuti più 2 min a forno spento per un totale di 37 minuti complessivi di cottura.
    Inoltre ho cosparso la teglia di farina (questi consigli sono per coloro che usano teglia e forno ventilato come me).
    Il risultato estetico è perfetto così come il sapore…
    Mia moglie e mio mio figlio mi hanno chiesto se avevo comprato il pane al forno!
    Ripeto la ricetta è ok e superiore a tante altre su internet o su libri imprecise anche relativamente agli ingredienti.
    Infine i video aiutano molto.
    Ciao ed alla prossima….
    Prometto di inviarti foto.
    Ciao
    Matteo

  • Marcolino

    Oggi ho fatto questa ricetta ed il risultato è stato STREPITOSO! Davvero ho dovuto mostrare le foto della preparazione a mia moglie che credeva l’avessi comprato. Tra l’altro non avendo una impastatrice ho utilizzato la funzione “solo impasto” della macchina del pane. Grazie!

    • http://vivalafocaccia.com/ vivalafocaccia

      @Marcolino Ottimo!!!!!