Alla Scoperta della Focaccia di Voltri

Aggiornamento – Dopo anni di tentativi sono riuscito a farla in casa!! Ecco la video ricetta della focaccia di Voltri (tipo Priano)

—-

Era un po’ che sentivo parlare della mitica focaccia di Voltri. Mi avevano segnalato questo articolo su come fare la focaccia di Priano e avevo provato a riprodurla in quest’altra pagina di VivaLaFocaccia.

Alcuni di voi che hanno provato quella originale, mi hanno fatto notare che quella di Priano e’ molto piu’ sottile. Inoltre mi avete segnalato quella della Marinetta, sempre a Voltri.

Sono sempre determinato a riprodurre la ricetta di Priano ma senza provarla di persona e’ difficile, cosi’ un paio di settimane fa approfittando di essere di passaggio a Genova, sono andato con mia mamma alla scoperta della mitica focaccia di Voltri.

Ecco il video:

La focaccia di Priano e’ veramente una prelibatezza. E’ diversa da quella genovese, piu’ sottile, friabile, con la farina di granoturco sotto e sopra… Quella della Marinetta e’ una buona focaccia, ma assomiglia molto di più’ a alla focaccia genovese tradizionale tipo quella spiegata nella mia video ricetta di famiglia, solo molto più’ morbida.

Dopo aver assaggiato questa prelibatezza mi sono dato da fare e finalmente dopo anni di prove sono riuscito a farla in casa. Ecco la video ricetta della focaccia di Voltri (tipo Priano)

 

Ciao

Vittorio

30 Commenti
1 Star2 Star3 Star4 Star5 Star (Clicca per votare)
  • Leo David

    Sì ma alla fine è meglio quella di Marinetta o quella di Priano ? Parlo di quella con le cipolle .

    • vivalafocaccia

      Direi che sono due mondi diversi, non paragonabili perche’ sono proprio focacce diverse.

  • Umberto Torre

    Ciao Vittorio,
    guarda se ti può essere utile questa pagina:

    http://www.dissapore.com/mangiare-fuori/priano-a-voltri-proprio-quando-pensavi-che-la-focaccia-di-gabriele-bonci-non-avesse-rivali/

    qualche indicazione c’è.

    Io sono un principiante e sto provando le prime due teglie con la tua ricetta, domani ti dico.
    Nel frattempo ti chiedo qual’è la variabile che rende più o meno morbida la focaccia (Genovese normale o Marinetta): più o meno acqua? Più o meno olio nell’impasto?
    Ciao.
    Umberto

    • > Per farla piu’ morbida, usa farina piu’ forte (con piu’ glutine proteine oppure con un 20-30% di manitoba) e metti piu’ acqua sulla superifie
      Grazie per l’articolo. Ho comunque ottenuto una ricetta ma non mi viene ancora bene
      – Vittorio

  • luciano

    Ciao vittorio, questa è la prima volta che ti mando una mail, scusa il Tu, ma essendo coetanei mi sembra più che normale. Sono di genova pure io, della zona Serra Riccò, nell’entroterra di Genova, e per la precisione a S. Cipriano.
    Seguo da diverso tempo le tue ricette, e come dicono tutti sono ben spiegate e riescono bene.
    Dato che conosco molto bene la focacia del Priano, perchè ha lavorato diversi anni a Voltri, e il forno era una tappa fissa tutte le mattine, volevo sapere se sei più riuscito a trovare la ricetta somigliante a quella stupenda focaccia.
    Pur avendola cercata nelle tue ricette non sono riuscito a trovarla. Mi scuso in anticipo se nel caso l’avessi pubblicata (magari) e non l’ho trovarla.
    Volevo anche farti i complimenti per il tuo forno molto bello e funzionale poco ingomgrante ma capiente. Un’ultima cosa ti vorrei chiedere, sempre che tu possa dirmela, abiti a Genova o ti sei trasferito in altra città? Se potessi rispondermi direttamente sulla mia mail te ne sarei greato, anche perchè non sono molto pratico di pc e ricerche in rete, (ho 60 anni) le mail però le trovo e le risco ad aprire facilmente.
    Grazie di tutto. Cordialmente Luciano.
    gottarlu@libero.it

    • > Ci sto ancora lavorando. Ma ho una nuova ricetta da provare nel fine settimana. Quando ci riesco la mettero’ sul blog.
      Sono genovese emigrato in California
      – Vittorio

  • Matteo

    Ciao
    Mi sei troppo simpatico perchè …..vabbè non ti voglio adulare
    ma ho sentito subito la tua apertura di cuore, mi piacciono anche gli interventi dei tuo bimbi e della famiglia.
    La tua precisione e passione è percepibile anche attraverso questi METAvideo Casalinghi…Ti prego continua questo progetto, vedrai che ti aprirà strade impreviste.

    Ho scelto un’alimentazione senza zuccheri lavorati e sostanze animali per cui trasformo tutto lo zucchero in malto , non uso uova…e uso il lievito naturale che ho fatto grazie ai tuoi suggerimenti.
    Quello che mi ha interessato da subito è che grazie ai tuoi video posso capire meglio la manipolazione della pasta…

    Mi sono imbattuto in un tuo video mentre stavo cercando di realizzare il pandoro Vegan e da allora circa un anno
    seguo sempre i tuoi video e il tuo Blog anche se non sono un grande scrittore….mi piace questo tuo modo di MANIPOLARE e conoscere attraverso la sperimentazione.

    Sono entusiasta del tuo vivilafocaccia.com e questa è per tutti la prova che condividere informazioni non può che AUMENTARE anzichè sottrarre….Mi piace anche questo modo Americano ma ben usato di Promozione!!!!
    Ti ringrazio tantissimo, ti invio tanti pensieri belli…ti prego VAI AVANTI!
    Un abbraccio Matteo Bologna

    • Grazie per i complimenti e le belle parole. Per ora vado avanti, anche se sta diventando sempre piu’ un investimento di tempo 🙂
      Vittorio

  • Silvia

    ahahah! pensa che io andavo a scuola nel liceo proprio di fronte a priano! non ti dico che fatica concentrarsi fra i banchi con quell’aroma di focaccia, pane, brioches tutta la mattina!

  • Mino

    Ciao
    la focaccia si mangia con la parte di sopra girata verso il basso.
    Alla rovescia di come sta nel tegame.
    Questo perche’ le papille gustative della ligua devono assaporare il sale e l’olio superficiale in essa contenuto.
    Fammi sapere.
    Mino

  • andrea

    Ho visto il video, devo dire che tu e tua mamma che andate in perlustrazione ad assaggiare la focaccia siete tenerissimi.
    Bel video, complimenti. E grazie per le ricette del sito.

  • Orsego Suirs

    Stimatissimo Vittorio,
    fra militari USA ho mangiato alcune ciambelle perfettamente toroidali diametro 8-9 cm, impasto granuloso omogeneo e sodo, appena spolverate di zucchero, per niente untuose, aroma di nutmeg/cannella/vaniglia con ottimo sapore. Fatte a macchina? Li chiamano doughnuts, ma non dan-no la ricetta. Erano squisite e me ne sarei mangiate 100! Ho chiesto la ricetta ad amici USA e anche loro non sanno dirmi il know-how. Su In-ternet ci sono alcune ricette, ma si ottengono “ciambelle” come “pizzet-te” col buco non sode, irregolari, basse, come quelle di Roma, e sono un-te, con tanto zucchero, poco aromatizzate, e sapore più di pane che di briocherie.
    Senza invadere la tua arte del bianco, gentilmente mi segnaleresti la ri-cetta originale dei doughnuts USA, o qualche cosa di fattibile? Grazie, a buon rendere, e vive cordialità.
    Orsego e Laura
    PS:
    Focaccia di Voltri con salamella di Bevegni! Peccato che molti non sappiano cos’é. Meravigliosi ricordi di come spesso incominciavo una marcia sui monti; sogni e rimpianti di un ghiottone allevato in Liguria.

  • fabio

    Ciao Vittorio, le tue video ricette sono ottime le ho provate quasi tutte , seguo sempre il tuo blog mette il buonumore, anche io sono metà ligure e quando vado a genova passo sempre da priano………..aspetto nuove ricette ………….perchè non ci prepari qualcosa di natalizio?????????

    • vittorioviarengo

      Ci sto lavorando. Nel frattempo puoi provare il pandolce basso – Vittorio

      • sandro

        ciao e complimenti per tutto. !!!!! priano per la focaccia a mio avviso da calda non ha rivali …….ma se volete strabuzzare le papille gustative da priano sotto natale fa la focaccia dolce una specie di panettone molto particolare con lo zucchero sopra una roba da manicomio.comunque periferia batte centro 10 a 0 lasciatemelo dire .a voltri si vive ancora una realta meravigliosa.ok buon natale a tutti e viva a fugassa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Voltrese

    Da Voltrese ti consiglio,se ti è piaciuta la focaccia di Priano(Angelo),quella dell’altro negozio Priano che si trova poco distante(una trentina di metri) accanto al semaforo.Se possibile è anche migliore.

    E sempre a Voltri,sull’angolo di via Chiaramone e la discesa di via Poerio ti segnalo un forno dove hanno un altro modo di preparare la focaccia che si differenzia non solo dalla classica genovese ma anche da quella dei due negozi Priano e della Marinetta.Ovviamente sia senza che con cipolla!

    • vittorioviarengo

      La provero’ la prossima volta che pass oda Genova. Grazie – Vittorio

  • Marco

    Ciao Vittorio, è tanto che ti seguo. Ogni volta che accendo il mio pc e navigo su internet faccio sempre una “sosta” su http://vivalafocaccia.com. Ti rinnovo i miei complimenti per come riesci a rendere semplice l’arte della farina bianca. Ora che ho visto questa prima focaccia che hai presentato ho intenzione di sperimentarla anch’io: considerami quindi tuo diretto “collaboratore” da Roma. Ciao con simpatia Marco

    • vittorioviarengo

      Grazie Marco!!! – Ciao Vittorio

  • Beppe

    caro Vittorio, mio padre aveva il forno a pochi metri da Marinetta, che io chiamavo “Lalla” anche se proprio parenti non eravamo. Dopo l’alluvione di Voltri (7 ottobre 1970), quando peraltro morirono il marito ed il genero di Marinetta, mio padre, ormai in pensione, andava tutte le mattine a dare una mano ai fratelli Priano. Quando fai la focaccia di Priano ricorda che non si schiaccia con le dita ma si tira, l’impasto è molto morbido, e sotto non devi mettere l’olio ma la polenta e non si usa il tegame ma va direttamente sul piano del forno, forse ti conviene usare la pietra ollare. Aspetto con ansia il tuo video. Buona fortuna. Beppe.

    • vittorioviarengo

      Grazie. Ho visto le foto del procedimento ma non ci sono le dosi. Prima o poi ci riesco. Per ora dopo due tentativi non ci siamo ancora – Vittorio

  • Filippo

    Scopro solo oggi questo bellissimo blog. Che dire? sono un po’ imbranato in cucina, ma mi piace provare, quindi proverò alcune cose, a partire dal pane.
    Complimenti per il sito, veramente.
    Ah, quasi dimenticavo: vedere che fai la focaccia di Recco con la maglietta “Zena – Battitene un belin” è priceless.
    ciao, Filippo.

    • vittorioviarengo

      🙂 Vittorio

  • Lorenzo

    e sì….quando qualche collega che arriva da voltri arriva col pacchetto di priano, ci sfreghiamo tutti le mani…..effettivamente particolare, anzi unica,mai mangiato niente di simile…..per il resto c’è stata una decadenza della focaccia tradizionale da quando ,fine anni 80,primi anni 90) hanno smesso di panificare i piemontesi e hanno cominciato ad acquistare i forni i meridionali,in genere pugliesi….non me ne vogliano…. è solo una questione di cultura alimentare e tradizione….la focaccia non riescono proprio a farla !!!!

  • Fabio

    Scusa Vittorio ma stavo parlando di te ad un mio amico di nome Antonio e mi sono sbagliato a scrivere il tuo nome.
    Ciao Fabio

  • Fabio

    Ciao Antonio aver saputo che eri a Genova mi sarebbe piaciuto molto fare la tua conoscenza, comunque aspetto anche io la ricetta della focaccia di Priano

  • antonella

    Ciao Vittorio,
    complimenti per il video,molto bello vedere te e la tua mamma insieme,voi mangiavate e io inghiottivo ….deve essere veramente buona la focaccia di Priano…aspetto con ansia la ricetta.
    Un caro saluto
    Antonella

  • Alessandro

    Uno spettacolo quella di Priano … ho lavorato per qualche anno presso gli uffici del porto di Voltri, e quella focaccia sembra fatta apposta per confortare i lavoratori portuali dalle fredde e ventosissime giornate invernali … già dal mattino, prestissimo, ricordo che orde di lavoratori uscivano dal quel negozio con sotto braccio un bel pacco di focaccia calda tagliata a tocchi … è davvero un toccasana per l’anima! Tua mamma sembrava davvero entusiasta, si vede che ha davvero la passione per le cose buone! Quella di Marinetta purtroppo ha perso molto della sua originalità con il cambio di gestione avvenuto qualche anno fa’, sono d’accordo con te, niente di puù che una buona focaccia … pensare che un tempo quel piccolo negozio aveva ispirato anche una poesia in dialetto genovese (ancora oggi esposta bene in vista su una parete) … come amo sempre dire, non tutto quello che viene dopo è sempre migliore … tra poco torno anche io nella mia Genova per un paio di settimane … mi manca alzarmi presto in una giornata fredda e ventosa … e riscaldarmi con un buon tocco di focaccia calda! Per il tuo commento riguardo al sale grosso … credo che si senta la differenza, io uso solo quello, appena passato al macinino … è un’altra cosa, si attacca alle dita, e allora capisci che il sale fino non è sale grosso macinato.
    Un abbraccio!

    • vittorioviarengo

      Evviva la Focaccia!