Condividi questa pagina:

Video Ricetta Pane alle Noci Semplice

Oggi vi propongo un altro pane semplice (no knead) senza l’uso dell’impastatrice dal libro di Jim Lahey. Questa volta con le noci e l’uvetta.  In passato avevo già fatto il pane bianco e la ciabatta con metodo simile e funziona in maniera sorprendente!!

La chiave per la buona riuscita del pane e’ sviluppare il glutine nella farina. Ci sono due modi di sviluppare il glutine. Il primo, e’ il metodo tradizionale dove si piega la pasta su se stessa ripetutamente con l’impastatrice o a mano, il secondo metodo che e’ quello usato in questa ricetta, e’ quello di creare un impasto molto idratato con poco lievito e tempi di lievitazione molto lunghi

Il glutine che e’ una proteina, si sviluppa altrettanto bene ammollo nell’acqua durante la notte.

Il secondo ingrediente fondamentale di questo metodo e’ la cottura in pentola (dutch oven). Quando metterete l’impasto nella pentola già calda, l’acqua nell’impasto si trasformerà in vapore che rimarrà intrappolato nella pentola. Siccome il vapore acqueo conduce il calore molto meglio dell’aria, il pane cuocerà benissimo anche nel forno di casa con una crosta croccantissima e cottura uniforme anche all’interno.

Ingredienti Pane alle Noci

  • 350 g Acqua Fredda
  • 400 g Farina 00 di Media Forza, 250W
  • 50 g Noci
  • 85 g di Uvetta (facoltativa)
  • 8 g Sale
  • 6 g Lievito  (o 2 g di lievito secco)
  • 1 Pizzico di Pepe

Se non vi piace l’uvetta, potete non metterla ed aggiungere 5 g di Zucchero per nutrire il lievito

Attrezzi

 

Video Ricetta Pane alle Noci

Procedimento Pane Fatto in Casa

  • Mischiate tutti gli ingredienti tranne l’acqua in una ciotola

pane noci 1

  • Aggiungete tutta l’acqua e mischiate con una spatola per meno di un minuto fino a quando la farina e’ stata assorbita

pane noci 2

  • L’impasto risultera’ grezzo e molto appiccicoso

pane noci 3

  • Coprite e lasciate lievitare per 12-18 ore a seconda della temperatura, fino al raddoppio del volume

pane noci 4

  • Ecco come si presenta l’impasto dopo la lievitazione. Se lo avete fatto lievitare troppo ed e’ collassato, non e’ un problema, continuate con il passaggio successivo

pane noci 5

  • Infarinate molto bene il tavolo di lavoro e rovesciate la pasta

pane noci 6

  • Piegate la pasta in tre

pane noci 7

  • Girate la pasta nell’alto verso e piegatela in due. Queste pieghe servono per sviluppare ulteriormente il glutine che aiutera’ lo sviluppo del pane e vi consentira’ di ottenere una bella alvatura. Cliccate qui per la spiegazione sulla lievitazione del pane

pane noci 8

  • Date una forma di palla all’impasto

pane noci 9

  • Spolverate un telo con farina bianca e di mais (o altre farine a piacere)

pane noci 10

  • Adagiate l’impasto al centro del telo con la parte liscia sopra se volete ottenere un pane piu’ rustico, con la parte liscia sotto se volete ottenere un pane piu’ regolare e liscio in superficie (verra’ capovolto quando lo vuotate nella pentola)

pane noci 11

  • Spolverate la superficie della pasta e coprite con il telo
  • Lasciate lievitare 1 o 2 ore a seconda della temperatura ambiente, Fate lievitare meno d’estate e piu’ a lungo d’inverno.

pane noci 12

  • 30 Minuti prima di informare, accendete il forno a 220c e mettete la pantola di ghisa nel forno. Se non avete una pentola di ghisa, potete usarne una di altro materiale con coperchio a chiusura ermetica basta che non abbia pezzi di plastica che si sciolgano nel forno.

pane noci 13

  • Tirate fuori la pentola da forno
  • Rovesciate la pasta nella pentola il piu’ delicatamente possibile. Se avete tenuto la parte liscia sotto durante la lievitazione, questa ora sara’ rivolta verso l’alto e la potrete incidere a forma di croce con una lametta.

pane noci 14

  • Mettete il coperchio ed infornate subito

pane noci 15

  • Cuocete a 220c per 30 minuti

pane noci 16

  • Dopo 30 minuti, togliete il coperchio
  • fate cuocere per altri 15-20 minuti

pane noci 17

  • A cottura ultimata, mettte il pane a raffreddare su una griglia. Non tagliatelo fino a quando non e’ freddo.

pane noci 18

Ecco il nostro pane alle noci e uvetta. E’ venuto come quello sulla copertina del libro!!!

DSC_0674

Ecco come si presenta l’alveatura

DSC_0708 DSC_0717

62 Comments
1 Star2 Star3 Star4 Star5 Star (Clicca per votare)
62 Responses to “Video Ricetta Pane alle Noci Semplice”
  1. aprile 01, 2014 at 4:05 am, Sonia said:

    Ciao Vittorio, sono capitata per caso sul tuo blog cercando la ricetta perfetta della focaccia genovese (che ora grazie a te posso finalmente dire di aver trovato), e più esploro il sito più la voglia di mettersi a impastare tutto aumenta!

    Per questa ricetta avrei però una domanda. Vorrei sostituire metà della farina con farina integrale: le dosi di acqua e lievito rimangono le stesse o cambiano? In caso come devo riaggiustarle?

    Grazie mille e davvero complimenti vivissimi per la passione e l’impegno che ci metti in questi video superutili!
    Sonia

    Reply

    • aprile 01, 2014 at 4:23 am, vivalafocaccia said:

      Difficile dire senza conoscere la farina.

      Prova. Tieni presente che con 50% integrale verrà più pesante e con l’alveolatura più fitta
      Vittorio

      Sent from my mobile device, please forgive errors

      Reply

      • aprile 01, 2014 at 9:46 pm, Sonia said:

        è proprio quello che vorrei ottenere! Ne ho assaggiato uno simile nella versione integrale un annetto fa da Trader Joe’s e ora vorrei provare a ricrearlo a casa visto che sono tornata in Italia.

        Allora comincerò provando con le dosi che hai dato tu, poi semmai aggiusterò il tiro.

        Grazie ancora!

        Reply

        • aprile 02, 2014 at 1:30 am, vivalafocaccia said:

          OK, fammi sapere
          - Vittorio

          Reply

  2. gennaio 31, 2014 at 2:14 pm, Maria rosaria said:

    Ciao Vittorio. È da qualche mese che faccio il pane con il lievito madre. Ai miei uomini piace molto e divorano, però io non sono ancora molto soddisfatta . Lo vorrei molto simile al pane ” cafone ” . Vedo che quello che hai fatto in questo video gli somiglia molto….ci proverò. Non so se sbaglio, ma ho notato che più si lavora l’impasto del pane con la planetaria e più viene chiuso, morbidissimo, ma senza alveoli, quasi come una briosc. L’ultimo che ho fatto l’ho impastato a mano e posso dir che è venuto meglio, però la mollica è così bianca che sembra pane bianco……..grazie di tutto

    Reply

  3. gennaio 30, 2014 at 5:47 pm, mario said:

    io aggiungo 80gr di fichi secchi ed in alternativa al pepe, che fa male, metto il peperoncino

    Reply

    • aprile 02, 2014 at 1:30 am, vivalafocaccia said:

      Ottima idea!!!
      - Vittorio

      Reply

  4. gennaio 28, 2014 at 1:49 am, Vladimira Betti said:

    Ciao,sto muovendo i primi passi qua nel tuo blog,
    Sono anni che ti seguo e per la prima volta riesco a fare il pane,solo grazie a te con ottimi risultati,ti posto la foto del pane cotto in pentola!,wow fantastico!!!,
    Ciaoooo GRAZIE!!!

    Reply

    • gennaio 28, 2014 at 5:44 pm, vivalafocaccia said:

      Che bello!! Prego!! :)

      Reply

  5. dicembre 13, 2013 at 6:39 pm, Laura P said:

    Ciao! Qualcuno conosce la pentola per cuocere il pane che si chiama Le pain di Emile Henry?
    Grazie a chi mi saprà dare informazioni!
    Laura

    Reply

  6. dicembre 01, 2013 at 12:53 pm, LYUDMYLA CHEKAN said:

    Ciao Vittorio.
    Ti ringrazio di tuoi bellissime ricette e meravigliose spiegazione.
    Ho fatto questo buonissimo pane e sono rimasta sodisfata.
    Ho una domanda da farti se io faccio il dopio d’impasto il tempo di cottura devo anche radopiare o no ? Voglio radopiare la dose perche tropo buono.
    Questo il mio risultato http://buonodicasamia.blogspot.it/2013/11/v-behaviorurldefaultvmlo.html?m=1 . Cosa ne dici?

    Reply

    • dicembre 02, 2013 at 3:15 am, vivalafocaccia said:

      Ti e’ venuto molto bene. Se raddoppi rischi che non cuocia bene in pentola. Io farei doppia dose, poi ne metti meta in frigo dopo la prima lavorazione per dare il tempo all’altro di cuocere e li cuoci separatamente
      - Vittorio

      Reply

  7. novembre 16, 2013 at 9:34 pm, Mostro!! said:

    Eseguito alla lettera (con una parte di farina ai cereali) ma cotto in una normale teglia di alluminio, la prossima volta lo copro per vedere la differenza ;) Il gusto è incredibile!!!

    Reply

    • novembre 16, 2013 at 11:22 pm, vivalafocaccia said:

      Ottimo! Vedrai che con la pentola cuoce meglio.

      Vittorio

      Reply

      • novembre 24, 2013 at 1:19 pm, Anna Rita said:

        lo faccio spessissimo ed è sempre buonissimo… Grazie Vittorio per i tuoi saggi suggerimenti!

        Reply

        • novembre 24, 2013 at 5:18 pm, vivalafocaccia said:

          Prego!

          Reply

  8. maggio 17, 2013 at 12:57 pm, Francesca said:

    Ciao Vittorio!! Ascolta quanti cm di diametro ha la pentola in ghisa che usi per le tue ricette?? grazie!!!

    Reply

    • maggio 17, 2013 at 7:15 pm, vivalafocaccia said:

      mi sembra che sia 24 cm.

      Reply

      • maggio 18, 2013 at 3:53 pm, Francesca said:

        > Grazie!!!! è un informazione che mi è molto utile dato che le dosi che usi tu vanno benissimo per la mia famiglia quindi ora so cosa devo cercare!! grazie!!!!! e buon fine settimana!!!!

        Reply

  9. aprile 09, 2013 at 11:36 pm, Francesco said:

    Sto’ Dutch oven mi piace tantissimo. Adesso lo rifaccio e con le noci ci metto anche il gorgonzola… e vediamo cosa esce!

    Reply

  10. aprile 04, 2013 at 7:38 am, graziella scala said:

    Vittorio sei BRAVISSIMO ! Ti seguo da qualche tempo, il tuo sito e veramente speciale e tu un maestro splendido ! Le tue ricette hanno sempre un gran successo, la focaccia genovese…il tuo pane poi…
    Un saluto speciale da Bologna, ciao !!!

    Reply

    • aprile 04, 2013 at 7:47 am, vivalafocaccia said:

      > Grazie per i complimenti. Mi fanno piacere
      - Vittorio

      Reply

  11. aprile 03, 2013 at 7:47 pm, Michela said:

    Ciao! Ti ho scoperto da poco e devo dire che le tue ricette mi intrigano parecchio… Volevo esordire con la preparazione del pane noci ed uvetta. In casa ho una farina 00 con 11 g di proteine (per 100 g.), secondo te può bastare per la preparazione del pane o devo dirigermi sulla manitoba?

    Grazie mille… Un saluto dal Piemonte

    Reply

    • aprile 04, 2013 at 4:01 am, Vittorio said:

      > 11 e’ un po’ deboluccia… mischiaci insieme un 30% di farina Manitoba
      - Vittorio

      Reply

  12. aprile 03, 2013 at 7:09 pm, Ester said:

    Al posto della pentola di ghisa io uso una pentola bella grande di coccio. La faccio scaldare proprio come quella di ghisa e poi cuocio nello stesso modo, e la crosta viene bella croccante, e l’interno bello alveolato e morbido. Insomma sembra quasi di cuocere il pane in un forno a legna…..quasi

    Reply

    • aprile 04, 2013 at 8:37 am, vivalafocaccia said:

      > Per certi aspetti, meglio del forno a legna perche’ la pentola trattiene bene in vapore scagionato durante i primi minuti di cottura. Il vapore conduce il calore meglio dell’aria e cosi’ il pane cuoce meglio sia in superficie che all’interno
      - Vittorio

      Reply

  13. aprile 03, 2013 at 6:22 pm, Caterina said:

    che dire , questo pane è semplicemente meraviglioso , io lo faccio spesso nella versione classica senza uvetta e noci , e lo cuocio in un contenitore di pirex con coperchio e viene una favola è il mio pane preferito in assoluto, proverò anche la tua versione con le noci , mi intriga parecchio ,complimenti per il lavoro accurato di immagini e video, ciao e buona serata

    Reply

    • aprile 04, 2013 at 4:01 am, Vittorio said:

      > Grazie!!
      - Vittorio

      Reply

  14. marzo 24, 2013 at 7:37 pm, scaccabarozzi angela said:

    cos’è la farina 00 di media forza, non è la solita che si compra nei negozzi?

    Reply

  15. marzo 24, 2013 at 5:12 pm, ornella said:

    ciao Vittorio, e possibile fare il pane alle noci ma con il lievito polish, se si potresti darmi una dritta.

    grazie mille Ornella!

    Reply

    • marzo 25, 2013 at 7:19 am, vivalafocaccia said:

      > Metti 240g di lievito naturale tipo polsih ogni 15 g di lievito di birra. In questo caso mettine 110g
      - Vittorio

      Reply

  16. marzo 24, 2013 at 2:02 pm, Maria said:

    Bellissimo sito scoperto cercando una cella di lievitazione…Volevo chiederti a che temperatura bisogna far lievitare?

    Grazie

    Maria

    Reply

    • marzo 25, 2013 at 7:17 am, vivalafocaccia said:

      > Dipende dalla ricetta. Intorno ai 25c in generale.
      - Vittorio

      Reply

  17. marzo 10, 2013 at 5:52 pm, Michela said:

    Ciao…ho eseguito la ricetta passo a passa…ma non avendo una pentola di ghisa ne ho unsata una di metallo…leggendo ora i vari post mi sono accorta che il risultato non proprio ottimo del mio pane (poco croccante all’esterno, quasi morbido in alcuni punti, e con l’interno umido tipo pane pugliese) forse è dato dall’altezza doppia rispetto a quella che hai usato tu…che mi dici? Potrebbe essere?
    Ovviamente non butterò questo pane, bensì lo taglierò a fette per poi tostarlo!!
    Grazie
    Michela

    Reply

    • marzo 25, 2013 at 7:21 am, vivalafocaccia said:

      > Aveva il coperchio che chiude bene? Prova a cuocerlo a temperatura piu’ alta all’inizio e poi abbassi la temperautra a cuoci piu’ a lungo
      - Vittorio

      Reply

  18. marzo 10, 2013 at 5:48 pm, Michela said:

    Ciao…ho fatto la ricetta seguendo passo a passo, ma il mio pane dopo la cottura è risultato un po’ morbido…la crosta non è molto croccante in alcuni punti e l’interno assomiglia un po’ al pane pugliese…umido insomma…che sia forse perchè la mia pentola è alta il doppio di quella che hai usato tu? Il alternativa potrei averne una più bassa ma dovrei usare l’ingegno per il coperchio…magari utilizzando la stagnola per tappare i buchi del manico in plastica che toglierò…che ne dici?
    Grazie
    io adoro il pane alle noci e di questo ne tosterò fetta per fetta…
    Michela

    Reply

    • marzo 10, 2013 at 6:38 pm, vivalafocaccia said:

      > Con l’uvetta, rimane un po’ umido dentro. Se e’ troppo umido, prova a togliere il coperchio prima
      - Vittorio

      Reply

      • marzo 15, 2013 at 4:54 pm, Michela said:

        Non ho messo l’uvetta….proverò a cambiare il tegame di cottura! Tostando le fette era fantastico.

        Grazie mille

        Reply

  19. marzo 06, 2013 at 9:21 pm, Cristina said:

    Ciao sono una new entry, sono capitata per caso sul sito che trovo molto interessante ed vorrei provare la ricetta, ma ho un dubbio: la pentola che diametro ha? e che altezza? il pane che viene quanto pesa? Vorrei provare con una pentola in alluminio che ha il suo coperchio da appoggiare sopra, ma non chiude ermeticamente tipo pentola a pressione. Va bene ugualmente? ti ringrazio per la risposta.

    Reply

    • marzo 06, 2013 at 11:44 pm, vivalafocaccia said:

      Ciao New entry Cristina!! Il diametro della pentola è circa 25 cm e alta sui 13 cm. Puoi usare una pentola di alluminio basta che regga alle temperature da forno e non abbia parti in plastica. :)

      Reply

  20. marzo 04, 2013 at 10:12 pm, anna maria marcolongo said:

    Caro Vittorio la pentola deve essere proprio di ghisa. Io ne ho una in alluminio con triplo fondo e manici in alluminio. E’ possibile cuocere il pane alle noci? Grazie se potrai rispondermi, perchè non vorrei creare danni alla pentola e al risultato della ricetta.Caramente. Anna

    Reply

    • marzo 04, 2013 at 10:19 pm, vivalafocaccia said:

      > Si, se il coperchio chiude bene
      - Vittorio

      Reply

  21. febbraio 26, 2013 at 11:41 pm, Valentina said:

    Ciao Vittorio,
    ho fatto il pane alle noci.
    L’impasto era molto idratato e quindi un pò difficile da manipolare; era molto simile a quello del pane alle olive.
    Con i tuoi consigli però ci son riuscita!
    Cmq era buonissimo e gradito in famiglia; domani sarà la merenda di scuola delle bambine!
    Al più presto inserisco le foto.
    GRAZIE ancora!!!

    Reply

    • febbraio 27, 2013 at 10:26 am, Vittorio said:

      > Ottimo!!!

      Reply

  22. febbraio 26, 2013 at 5:15 pm, lucia said:

    si sei bravissimo ma non rispondi pero’

    Reply

    • febbraio 27, 2013 at 10:27 am, Vittorio said:

      > come non rispondo?? Rispondo a tutti, se non lo faccio e’ perche’ mi e’ sfuggita la domanda. Ne ricevo piu’ di 100 al gg.

      Reply

  23. febbraio 26, 2013 at 4:29 pm, ALE said:

    CIAO SEI PROPRIO BRAVO, COMPLIMENTI PER QUESTO BELLISSIMO PANE…SE VOLESSI USARE LA PASTA MADRE SOLIDA,QUANTA NE DOVREI METTERE E L’ACQUA DOVREI AUMENTARLA???GRAZIE

    Reply

    • febbraio 27, 2013 at 10:28 am, Vittorio said:

      > fai 200g di pasta solida ogni 15g di lievito di birra

      Reply

  24. febbraio 26, 2013 at 2:52 pm, Elisabetta said:

    wow!dev’essere squisito,Vittorio :D io adoro l’uvetta..se dovessi provarlo,dovro’ usare anch’io, una pentola in acciaio..spero venga bene..complimenti!! ;)

    Reply

  25. febbraio 26, 2013 at 11:57 am, lucia said:

    sto per infornare aiutooooooooo il forno statico o ventilato????

    Reply

  26. febbraio 25, 2013 at 11:28 pm, Danilo said:

    Ciao Vittorio, gran bella ricetta.
    Io ho una pentola d’acciaio che non è antiaderente, va bene uguale?

    Reply

  27. febbraio 25, 2013 at 11:38 am, Francesco said:

    Per favore, la farina 250W a quanto glutine per 100g corrisponde? In Italia in genere non trovo l’indicazione (W) sui pacchi di farina.

    Reply

  28. febbraio 24, 2013 at 11:31 pm, vivalafocaccia said:

    Grazie. Per quanto riguarda VMW, grandissima azienda. Ma qui in Silicon Valley ogni 3-4 anni bisogna cambiare :)
    - Vittorio

    Reply

  29. Davide Bugni

    febbraio 24, 2013 at 11:27 pm, Davide Bugni said:

    Complimenti per l’ottima spiegazione. Questo pane è molto buono, lo farò sicuramente e provo ad adattarlo a quantità leggermente più grandi per un forno a legna. Una fetta con un po’ di miele al mattino è ottimo ;) ciao grazie
    davide

    Reply

  30. febbraio 24, 2013 at 10:48 pm, Valentina said:

    Che buono!
    ha un aspetto fantastico…..non vedo l’ora di farlo! e assaggiarlo…..
    Grazie Vittorio!!!! sei bravissimo!

    Reply

  31. febbraio 24, 2013 at 10:29 pm, Gianfranco said:

    Ottima spiegazione, come sempre semplice ma pur sempre professionale. Impossibile non seguirti, peccato che tu abbia lasciato VMW avrebbero ancora molto da imparare su come si ‘vende’ il proprio sapere :lol:

    Reply

Leave a Reply